The age ok kommunalki per sito

Mercoledì 21 maggio 2014 ore 18.00
Associazione Italia Russia
via Cadore 16 Milano 20135
INGRESSO GRATUITO|E’ GRADITA LA PRENOTAZIONE

www.ageofkommunalki.com

The age of kommunalki è il titolo del film documentario, prodotto da Underdog Film, realizzato nel 2013 da Elena Aleksandrova e Francesco Crivaro che sarà proiettato nel corso della serata e che offrirà lo spunto per una riflessione sull’utopia dell’abitare collettivo nella storia dell’architettura sovietica.

Il lungometraggio, interamente girato a San Pietroburgo, è il risultato di un lavoro di ricerca durato circa due anni.

Il connubio tra lo sguardo di Elena Aleksandrova, architetto urbanista, che nella kommunalka ha trascorso l’infanzia, e quello di Francesco Crivaro, giovane film maker, ha prodotto un affresco vivido sulla quotidianità nata dal tentativo di messa in pratica dell’idea utopica di un collettivismo radicale.

San Pietroburgo è una delle città più visitate dai turisti di tutto il mondo. Dietro le splendide facciate da cartolina del centro, si nasconde a volte un mondo particolare, sconosciuto alla maggior parte dei visitatori: il mondo delle kommunalki dove, ancora oggi, a quasi 100 anni dalla rivoluzione di ottobre, molte persone – di diversa estrazione sociale, provenienza, età – vivono occupando stanze all’interno di grandi appartamenti e condividendo spazi comuni come una cucina, un bagno e un corridoio. Gli abitanti di questi spazi sono gli stessi o i discendenti di coloro che hanno visto materializzarsi nella loro quotidianità l’utopia dell’abitare collettivo come mezzo per perseguire la felicità e riequilibrare le ingiustizie.

Sarà questo il filo conduttore della serata, per una riflessione sull’utopia degli spazi collettivi, sul significato moderno di comunità, di relazioni umane, e sulla trasformazione sociale ed economica che sta investendo le città stesse.

La presentazione prevedrà immagini e considerazioni tratte dalla storia dell’architettura e spezzoni di film che hanno messo in scena, con svariate sensibilità, la realtà della kommunalka nella storia culturale del Paese.

Alessandro De Magistris

Architetto, insegna Storia dell’architettura e Storia dell’Urbanistica presso il Politecnico di Milano. Autore di molti saggi e articoli pubblicati in Italia e all’estero, ha scritto tra l’altro La Città di transizione (1988), La Costruzione della totalitaria (1995), La Casa cilindrica di Konstantin Mel’nikov (1998), High-Rise. Percorsi nella storia dell’architettura e dell’urbanistica del XIX e XX secolo attraverso la dimensione verticale (2004). Ha curato (con Carlo Olmo) una monografia sull’opera di Jakov Cernikhov pubblicata in Italia, Francia, Germania (1995) e Russia (2000) e il volume URSS anni ‘30-‘50. Paesaggi dell’Utopia staliniana (1997), catalogo della mostra. E’ tra gli autori del libro Basilico. Mosca verticale (2008). Per Electa ha pubblicato, con Michel Vernes, il volume Odile Decq-Benoit Cornette. Opere e progetti (2003). In ultimo, con Irina Korobina, ha curato il volume Ivan Leonidov 1902-1959 Electa 2009.

Gianpiero Piretto

Si è laureato in Lingue e letterature straniere (lingua e letteratura russa) all’Università di Torino. Ha insegnato nelle Università di Torino, Bergamo e Parma. Dal 1994 è docente all’Università di Milano dove insegna Storia del teatro russo, Metodologia della Cultura visuale, Metodologia degli studi culturali. Ha dedicato saggi e articoli alla letteratura e alla cultura russa. Ha pubblicato molti articoli in riviste specializzate e curato edizioni come Arbat, mio Arbat. Poesie di Bulat Okudžava (1989) Ha pubblicato tra l’altro Derelitti, bohémiens e malaffari. Il mito povero di Pietroburgo (1989), Da Pietroburgo a Mosca. Le due capitali in Dostoevskij, Belyj e Bulgakov (1990), Il Sessantotto a Mosca (1998), Il radioso avvenire. Mitologie culturali sovietiche (2001), Gli occhi di Stalin (2010), La vita privata degli oggetti sovietici (2012).

Evelina Schatz

E’ nata sul mare di Odessa, là dove l’Occidente incontra l’Oriente e si confondono il mare e la steppa, da genitori di culture diverse. Figlia d’arte, vive da tempo in Italia. Dal 1998 la sua vita scorre fra Milano e Mosca. Poeta bilingue, scrive in italiano e in russo. Artista e performer, saggista e giornalista, critico d’arte e curatore, regista e scenografo, suoi saggi, poesie, articoli, testi narrativi e teatrali sono stati pubblicati in Italia, in Russia, in Ucraina e in altri Paesi. Parecchie sono le raccolte di poesia. Le sue opere, colmate di scrittura, sculture e libri d’artista si trovano nei musei e nelle collezioni di diversi Paesi. Così Evelina artista incarna la parola di Evelina poeta. Compositori italiani e russi hanno tradotto in musica molte delle sue poesie e prose poetiche, eseguite in numerosi concerti in tutto il mondo. Continuando le tradizioni futuriste e di Samizdat, ha creato due minuscole e preziose case di edizioni d’autore kãrwãnSamizdat e CaffèLADOMIR, curandone personalmente il design.

Francesco Crivaro

Si è laureato al DAMS di Torino, diplomato alla scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo e successivamente in Fotografia Cinematografica a Roma. Proprio a Roma inizia la sua carriera lavorativa che lo ha portato a vivere e lavorare in molti paesi europei. E’ un direttore della fotografia, operatore steadicam oltre che un curioso e appassionato viaggiatore. Ha lavorato su numerosi lungometraggi, cortometraggi e documentari con registi italiani, francesi e spagnoli. E’ autore di un reportage fotografico sulla Transiberiana. Dal 2012 è uno dei soci della Underdog Film srl, giovane società di produzione indipendente con sede a Roma.

Elena Aleksandrova

E’ originaria di San Pietroburgo dove si è laureata in architettura. Nel corso di diversi anni professionali, alcuni dei suoi progetti sono stati esposti e premiati in concorsi internazionali. Fra questi The Membrane City esposto a Barcellona (Istitute for Advanced Architecture e HP nel 2010). Lo stesso progetto è stato inoltre pubblicato nel libro La città autosufficiente: previsioni sull’habitat del futuro (2010). Una sua installazione dal titolo Child Town ha partecipato al Festival Internazionale di Architettura di Mosca nel 2006. Attualmente vive in Italia, frequenta un master in Urbanistica e si interessa attivamente di architettura sostenibile al servizio di nuove forme di comunità.

Underdog film

La Underdog Film srl è una giovane società di produzione cinematografica che realizza lungometraggi, documentari e prodotti audiovisivi destinati al cinema e alla televisione. La società, influenzata dal cinema indipendente americano e da quello d’autore europeo, porta avanti un proprio progetto culturale e commerciale in linea con i propri ideali comunicativi e artistici. Underdog si avvale di una rete di importanti collaborazioni in ambito europeo ed extraeuropeo.

 

 

Partner & Collaborazioni